• Bastano pochi minuti per iscriverti alla Lega, direttamente dal tuo PC o smartphone! ISCRIVITI ADESSO

SICUREZZA, TASER CHIESTO DA POLIZIA PENITENZIARIA ANCHE A GENOVA

SICUREZZA, TASER CHIESTO DA POLIZIA PENITENZIARIA ANCHE A GENOVA

SICUREZZA, TASER CHIESTO DA POLIZIA PENITENZIARIA ANCHE A GENOVA 1200 450 Lega per Salvini Premier

SALVINI: “DALLE PAROLE AI FATTI, ORA SERVE A TUTTE LE CITTA’”.

Ha preso in mano un estintore e lo ha scagliato contro gli agenti della polizia penitenziaria ferendone tre. Questo è il bilancio di un’aggressione avvenuta nel carcere di Marassi a Genova. Il detenuto, un brasiliano di 26 anni, è stato prima fermato e poi immobilizzato dagli agenti che ora chiedono a gran voce l’utilizzo del Taser. Un deterrente che avrebbe permesso una rapida resa dell’aggressore. L’utilizzo della pistola a impulsi elettrici è stato fortemente voluta dall’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini e che ha subìto una accelerazione con il ritorno della Lega al governo: ora è già utilizzabile dalle Forze dell’Ordine in diciotto capoluoghi oltre a Genova: Roma, Bari, Bologna, Firenze, Milano, Reggio Calabria, Brindisi, Napoli, Palermo, Torino, Venezia, Padova, Reggio Emilia, Caserta, Catania, Messina, Cagliari.

Dichiarazione del leader della Lega Matteo Salvini: “Dalle parole ai fatti. Le idee della Lega confermano di essere efficaci e utili per Genova, ora ci auguriamo che l’uso della pistola a impulsi elettrici venga esteso a tutte le altre città e in tutte le regioni. Grazie al Decreto Sicurezza anche alcuni sindaci potranno dare questo strumento agli agenti della Polizia Locale. È per risultati come questi che siamo al governo. Auspichiamo che la pistola a impulsi elettrici possa essere fornita anche alla Polizia Penitenziaria”.

Dichiarazione del sottosegretario all’Interno Nicola Molteni: “Il Taser si sta rivelando uno strumento indispensabile per tutelare l’incolumità e la sicurezza degli operatori delle forze di polizia, un’arma di difesa e non di offesa, di sicurezza e non di violenza, un deterrente straordinario per i nostri agenti di polizia. Insieme alle body cam rappresenta una garanzia di tutela per la sicurezza e la trasparenza nell’operato di donne e uomini della Polizia, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza che fanno prevenzione e controllo del territorio”.